8 marzo e Settimana della Donna: come si festeggiano in Siria?

Non si celebrano affatto. Qui in Siria, come in molti Paesi del Medio Oriente, non è accaduto nulla e la settimana è trascorsa come le altre.
Sul quotidiano Baladna, Bassam al-Qaddi, fondatore del Syrian Women Observatory Organization for Women’s Rights, scrive:” Molte donne intervistate sull’argomento, hanno risposto di non essere a conoscenza della Settimana Internzionale della Donna. Altre hanno dichiarato di non approvare il concetto di uguaglianza di genere. Ancora Bassam Al-Qaddi, riporta lo stupore di Mariam, una casalinga 43enne:”Le donne festeggiano una giornata per se stesse? A che serve? Conosciamo i nostri diritti e siamo felici .Io credo che l’unico giorno da celebrare sia quello della mamma”.
Sono riuscita a fare la stessa domanda a due ragazze, alla Mostra dell’artista Ayman Esmandar, allestita nel cortile coperto del Khan Assad Pasha. Difficile per uno straniero.I siriani sono molto gentili ma riservati. Non si confidano volentieri. Per fortuna alle ragazze piaceva il mio vestito, si sono incuriosite e hanno incominciato a chiacchierare…Anche se poi non hanno voluto che scrivessi il loro nome. Sì sapevano del “Giorno della donna”. Avevano visto un servizio in tv. Una delle due, studentessa universitaria di Lingue, è più battagliera:”Dobbiamo cambiare molte tradizioni che ci bloccano e non ci permettono di raggiungere una vera uguaglianza ”.
Anche Bassam al-Qaddi, sottolinea nell’articolo, che le maggiori discriminazioni derivano proprio dalle tradizioni. Anche se, per garantire maggiore parità, molte leggi sulla cittadinanza andrebbero cambiate. Purtroppo oggi in Siria, le donne partecipano poco ai Movimento per i propri diritti. Per tante, a quanto pare, è sufficiente “essere la presidentessa della repubblica del cuore dell’amato” Come canta il libanese Mohammed Iskandar, nel brano che ha dedicato l’anno passato alla moglie. E che è stato a lungo in testa alle classifiche della radio anche in Siria.

Due ragazze nel suq

n.b. Le ragazze nella foto non sono quelle intervistate.

Comments (2):

  1. Maria Mattei

    14 Mar at 10:46

    Ho visto solo oggi il tuo blog…Bella idea. Ti ho seguito spesso sul Sole on line ma ci si perde facilmente in Interet. Adesso ho il tuo riferimento e mi abbono. Interessante questo post, perche’ -scritto dalla Siria- offre una testimonianza diretta. Tutto un altro sapore…Tu poi hai sempre raccontato i Paesi del Medio Oriente, in chiave di vita quotidiana. Penso che sia importante. Dovremmo sapre di piu’ di popolazioni vicine gograficamente ma sconosciute. Grazie. Maria

    • Antonella Appiano

      15 Mar at 03:58

      Grazie Maria. I commenti e le lettere di chi mi segue m’incoraggiano a fare il mio mestiere secondo le “vecchie regole”. Con fatica ma molte soddisfazioni. Antonella Appiano

Comments are closed.

Istirahah, pausa, relax

Il Blog è in Pausa… i contenuti (Post e Archivio) sono comunque sempre raggiungibili e il Blog è navigabile!

Nilo Domanico: ingegnere, fotografo e viaggiatore in Oman – Storie di Expat

”Il desiderio di scoprire, la voglia di emozionare, il gusto di catturare,
tre concetti che riassumono l’arte della fotografia”.
Helmut Newton

« Ho incominciato a fotografare quando frequentavo le superiori, durante una gita scolastica, e non ho più smesso» racconta Nilo Domanico.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: