Siria, le bugie dell’Occidente – Diario da Damasco

Nella capitale, voci sulle trame dei Fratelli Musulmani

Ero alla grande Moschea degli Omayyadi di Damasco, venerdì primo aprile, il Giorno dei Martiri.
Prima, durante e dopo la preghiera. E non ci sono stati incidenti, come invece, è stato riportato da alcuni media. Certamente le forze di sicurezza in borghese hanno controllato la zona in modo capillare.
Secondo gli attivisti, infatti, la piazza davanti all’ingresso principale avrebbe dovuto essere teatro dell’epicentro del D-day, della grande rivolta nella capitale. E molti abitanti della città vecchia hanno preferito restare a casa per prudenza. Ma alla fine della preghiera, alla grande moschea, l’unica manifestazione è stata quella a favore di Bashar. L’ennesima.

Tutte le kabbar dell’Occidente sulla crisi in Siria

I negozi di souvenir chiusi nel giorno dei martiri presso la moschea degli Omayyadi (A.a)

L’annuncio del Giorno dei Martiri aveva creato preoccupazione a Damasco già da lunedì 28 marzo. Si aspettava con ansia questo giorno.
Poca gente in giro. Anche i negozi di souvenir per turisti, ai lati della Moschea, avevano le serrande abbassate.
Quando è stata riaperta la porta principale, dopo aver indossato l’hijab (il foulard che copre i capelli completamente, lasciando scoperto il viso) sono entrata anch’io, come altre volte, nel cortile.
L’ATMOSFERA DI SEMPRE. I bambini si rincorrevano, le mamme chiacchieravano sedute sotto il porticato. L’atmosfera di sempre. Fuori, il caffé Nawfara, di fronte a una delle entrate secondarie della  Mosche degli Omayyadi, era di nuovo affollato. Fumo dei narghilé, aroma di caffé al cardamono e profumo di biscotti al pistacchio.
Incontri, voci e commenti. E a me, straniera, molte domande sul perché «i media occidentali dicano tante kabbar, bugie».
DEFORMAZIONE DEI MEDIA. I siriani sono davvero amareggiati per il modo in cui, in Occidente, viene raccontata la crisi del Paese. Temono anche il crollo del turismo, una fonte economica preziosa per il Paese. E si dispiacciono per l’immagine negativa della Siria.
«Sui fatti di Daraa e Latakia bisogna indagare, certo», dice qualcuno (all’inizio dei disordini non si sentiva mai pronunciare, ad alta voce, il nome della cittadina al sud della Siria). Però Ahmad, studente di Lingua e letteratura araba all’Università di Damasco, vuole sapere perché gli occidentali «non credono alla tesi dei gruppi islamisti che fomentano le rivolte».

In città, voci sull’intervento dei Fratelli Musulmani

Manifestazioni pro-Bashar a Damasco (A.a)

In città, infatti, si stanno diffondendo le voci di un intervento di integralisti. Viene sussurrato o dichiarato apertamente il nome dei Fratelli Musulmani, secondo le autorità siriane il più vasto movimento armato di opposizione interna.
Nato in Egitto nel 1928, Il movimento, secondo il fondatore Hasan al-Banna, si pone come obiettivo quello di dar vita dar vita a uno Stato islamico fondato sulla giustizia sociale e sulla eguaglianza dei credenti. Ma sono rumor, appunto.
Verso sera, incontro un insegnante che aveva chiesto a un amico di poter raccontare la sua testimonianza con garanzia di anonimato.
IL REGIME REGGERÀ. «Sono contrario al regime. Ma la maggioranza dei siriani appoggia senza dubbio il presidente. Chi per interesse. Chi per paura di divisioni interne. Chi, perché semplicemente crede in lui. La fazione antigovernativa potrebbe crescere, certo. C’è stato uno scontro, alla periferia di Damasco, nel sobborgo di Douma. E i supporter di Bashar si sono uniti alle forze di polizia contro i dimostranti che, comunque, erano pochi». Le manifestazioni, almeno nella capitale, sono solo piccoli fuochi. Dubito però che possano trasformarsi in un incendio e far crollare il regime. Il Paese non è pronto. E c’è ancora una considerazione da fare. Qui in Siria, anche l’esercito resterà fedele a Bashar.

di Antonella Appiano per Lettera43

Comments (4):

  1. Miguel Martinez

    4 Apr at 04:18

    Seguo con estremo interesse in questi giorni la tua interessante, documentata e purtroppo isolata voce.

    Grazie!

    Rispondi
    • Antonella Appiano

      4 Apr at 13:47

      Grazie a te, Miguel. Lo so..purtroppo isolata. I media italiani stanno analizzando la situazione con superficialità.Prima gli inviati delle più importanti testate erano a Gerusalemme o a Beiru! Adesso, qualcuno è qui ma continua a “non vedere” e volere, per forza, accumunare la Siria all’Egitto e alla Tunisia. Comunque il tuo link, come quello di altri (Clarissa, Megachip) sono di grande aiuto… E devo ringraziare il direttore di Lettera43, (quotidiano on line…guarda caso) che mi ha dato carta bianca. Altre testate, dopo avermi contattata, si sono tirate indietro. Non ero abbastanza “allineata”! L’informazione corretta ormai sta diventato merce rara…Antonella

      Rispondi
  2. emile

    4 Mag at 10:39

    finalmente sentiamo una voce attendibile e presente in siria , che ci informa di quello che vede e sente veramente diverso dai film racontati dai media italiani . Ti ringrazio per la tua coerenza. Emile un siriano a roma

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Nilo Domanico: ingegnere, fotografo e viaggiatore in Oman – Storie di Expat

”Il desiderio di scoprire, la voglia di emozionare, il gusto di catturare,
tre concetti che riassumono l’arte della fotografia”.
Helmut Newton

« Ho incominciato a fotografare quando frequentavo le superiori, durante una gita scolastica, e non ho più smesso» racconta Nilo Domanico.

Aeroporto e expat: una storia d’amore?

«Arrivi o parti?» Amelia
«Non lo so. Tutti e due» Viktor

Questa è una battuta dei due personaggi principali (interpretati da Catherine Zeta-Jones e Tom Hanks) nel celebre film “The terminal”. Ma per me, expat, rispecchia la realtà. E la relazione con gli aeroporti, una vera e propria storia di amore.

Perché i verbi assumono una valenza diversa, quando vivi in un altro Continente, in un Paese che senti tuo. E allora le carte si scompigliano. “Andare“ in Italia o ”tornare” per esempio?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: