Settimana internazionale. La Siria e l’incubo della guerra civile

La Siria e l’incubo guerra civile.
Intervengono: Antonella Appiano (Corrispondente dal Medio Oriente per L’Indro), Alberto Negri (Inviato speciale del Sole 24Ore), Annalisa Rapanà (Giornalista Area internazionale ANSA).
Conduce in studio Francesco De Leo (Direttore di grandemedioriente.it)

Altri formati disponibili:

Comments (1):

  1. edoardo

    18 Feb at 21:41

    inanzitutto complimenti alla s.ra antonella appiano che ha scritto dalla siria,vorrei chiedere alla persona che rappresenta ansa italia,perchè ansa prende come veritieri al 100% le notizie che arrivano dall’osdh (penso che sia la loro fonte principale) tra l’altro l’osdh ora è diviso in 2 sezioni con notizie contradditorie. perchè qualche volta non tengono buono di questi giornalisti che erano là in siria e hanno detto notizie diverse (pierre piccin,mark george,robert fish,lizzie phelah,gilles muniers,webster tarpley ecc) e perchèp ansa non parla mai del fatto che in siria ci sono milizie straniere (vedi l’ex fbi sibel edmonds) e ancora perchè girano in rete video,che poi sono falsi e presi da altre nazioni, vedi la TV abc australiana che ha smentito una notizia/video della reuters. insomma un pò più di verità grazie dell’attenzione

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Nilo Domanico: ingegnere, fotografo e viaggiatore in Oman – Storie di Expat

”Il desiderio di scoprire, la voglia di emozionare, il gusto di catturare,
tre concetti che riassumono l’arte della fotografia”.
Helmut Newton

« Ho incominciato a fotografare quando frequentavo le superiori, durante una gita scolastica, e non ho più smesso» racconta Nilo Domanico.

Aeroporto e expat: una storia d’amore?

«Arrivi o parti?» Amelia
«Non lo so. Tutti e due» Viktor

Questa è una battuta dei due personaggi principali (interpretati da Catherine Zeta-Jones e Tom Hanks) nel celebre film “The terminal”. Ma per me, expat, rispecchia la realtà. E la relazione con gli aeroporti, una vera e propria storia di amore.

Perché i verbi assumono una valenza diversa, quando vivi in un altro Continente, in un Paese che senti tuo. E allora le carte si scompigliano. “Andare“ in Italia o ”tornare” per esempio?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: