Antonella Appiano dalla Siria, la testimonianza audio per L’Indro

Comments (2):

  1. Mattia

    13 Lug at 09:32

    Buongiorno, ho trovato il suo blog ieri navigando sul web, cercando di fare chiarezza sulla situazione in Siria.
    Grazie per le notizie che fornisce, molto utili e esaurienti.
    Trovo che le informazioni che circolano siano molto ambigue e discordanti: da una parte i sostenitori di Assad che parlando di complotti internazionali, (ad esempio alcuni siti di informazione alternativa, usando un termine comodo, ma poco specifico) dall’altra il dittatore sanguinario che fa strage di civili.
    Come sempre è difficile, se non impossibile, capire qual è la realtà senza una testimonianza diretta sul campo.
    Mi chiedo anche se è possibile oggi andare in Siria.
    Grazie,
    Mattia

    Rispondi
  2. Antonella Appiano

    21 Lug at 07:07

    Ciao Mattia, entrare in Siria oggi è possibile per motivi di lavoro (giornalsti, uomini d’affari) ma non come turista o senza avere un motivo specifico.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Nilo Domanico: ingegnere, fotografo e viaggiatore in Oman – Storie di Expat

”Il desiderio di scoprire, la voglia di emozionare, il gusto di catturare,
tre concetti che riassumono l’arte della fotografia”.
Helmut Newton

« Ho incominciato a fotografare quando frequentavo le superiori, durante una gita scolastica, e non ho più smesso» racconta Nilo Domanico.

Aeroporto e expat: una storia d’amore?

«Arrivi o parti?» Amelia
«Non lo so. Tutti e due» Viktor

Questa è una battuta dei due personaggi principali (interpretati da Catherine Zeta-Jones e Tom Hanks) nel celebre film “The terminal”. Ma per me, expat, rispecchia la realtà. E la relazione con gli aeroporti, una vera e propria storia di amore.

Perché i verbi assumono una valenza diversa, quando vivi in un altro Continente, in un Paese che senti tuo. E allora le carte si scompigliano. “Andare“ in Italia o ”tornare” per esempio?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: