Un giorno qualunque a Damasco.

Testimonianze dalla Siria nell’era della narrazione Web.2.0

“Ci stiamo abituando a vivere senza sapere che cosa accadrà domani. Il sentimento più forte: la tristezza”

 

Non lo scriveremo mai abbastanza. Per onestà e chiarezza. Siamo sommersi ogni giorno da video, fotografie, tweet, nuovi account Facebook che contengono informazioni quasi sempre impossibili da accertare. Le nuove guerre, le nuove rivoluzioni oggi si combattono anche così, a colpi di Tweet. Un cambiamento che abbiamo potuto seguire bene durante l’Offensiva israeliana Pillar of Cloud, a Gaza, come analizzano in maniera documentata, Veronica Orrù e Matteo Castellani Tarabini. Ma Social Media a parte, esistono ancora quelli che un reporter dovrebbe sempre avere e tenere attivi: i contatti. Le relazioni nate sul posto, con persone di cui si conosce l’identità. Collegamenti che a volte si rallentano ma che sono facilitati proprio dai Nuovi Media, come scrive Augusto Valeriani in ’Twitter Factor’ “molti reporter della vecchia guardia sono scettici eppure anche in Pakistan, Afghanistan alcuni politici e guerriglieri sono presenti sul web”. Un caso interessante riportato sempre da Orrù e Castellani, è l’account Twitter @AlqassamBrigade, del braccio militare di Hamas. E ci sono skype e la posta elettronica. Proprio ieri ho ricevuto via e-mail una testimonianza da Damasco. Conosco la persona da tempo, anche se da agosto non aveva più risposto alle mie lettere. Ma, nonostante questo, non sono a Damasco ora, non posso accertare di persona. Credo nel Web.2.0 ma anche all’importanza di essere sul posto. Un reporter può farsi aiutare dalla rete ma non esserne sostituito.

Quindi riporto la testimonianza di Ridha (nome di fantasia), consapevole che è una testimonianza che non ho raccolto guardandolo negli occhi. E che è una testimonianza che esprime l’opinione di una persona, non di tutti i siriani. Ho promesso di mantenere l’anonimato e quindi non riporterò né la sua età né la professione. Solo che è musulmano sunnita e vive a Damasco Scrive.

Ci stiamo abituando a vivere senza sapere che cosa accadrà domani. Il sentimento più forte: la tristezza. La mia famiglia ormai è divisa. Due fratelli si trovano a Dubai. Una sorella in Giordania con la famiglia. I miei genitori sono troppo anziani, non vogliono lasciare il Paese e io rimango con loro. Ricordi quando ti dicevo che la guerra non sarebbe mai arrivata a Damasco? L’ultima volta che ci siamo visti, a luglio, siamo ancora andati a bere il caffè nella città vecchia. Ma ora, dopo l’attentato a Bab Tuma, non mi sento più sicuro neppure lì. Alla sera, dopo le 8, la città è deserta. Nessuno per le strade. Non passa un taxi. In certi quartieri la gente continua a vivere normalmente. O si sforza di farlo. Gli uffici sono aperti, le scuole anche. Dobbiamo convivere con i colpi di cannone, le sparatorie, i posti di blocco. Sai che, a costo di apparire vigliacco, non mi sono mai schierato. Né da una parte né dall’altra. Guardavo i rifugiati che arrivavano qui, nella capitale, dalle altre parti del paese con compassione. Li riconoscevi, avevano un’aria sperduta. Come guardavo i profughi iracheni. E ti dicevo:”Mai come loro”:
Adesso sono io ad essere sperduto. Quando sono in auto, in colonna, perché la circolazione è rallentata dai posti di blocco, quando le vie d’accesso alla città sono chiuse dai carri armati. Così come certe vie del centro. Quando passo davanti a un’auto e ho paura che esploderà. Quando vedo le barriere di filo spinato e sacchetti di sabbia. E penso: è guerra.
Stanno costruendo un muro intorno all’area residenziale di Al Malki
(dove vive il Presidente Bashar al- Assad ndr). Per proteggerla dagli attentati? Non so. Oggi (ieri 28 novembre ndr)avrai letto, del doppio attentato dinamitardo nel quartiere di Jaramana, che conosci bene (alla periferia sud-est, abitata soprattutto da drusi e cristiani ma anche da musulmani e iracheni ndr). Non ho notizie precise però, solo quelle della tv di Stato. Quanti morti.
Parliamo tanto fra noi. Parliamo in famiglia, con gli amici. Della Nuova Coalizione nata a Doha.Di uomini d’affari, politici, anche guerriglieri. Un gruppo eterogeneo certo. Sappiamo che la Coalizione è sostenuta dalle monarchie del Golfo, dagli Stati Uniti, dalla Francia, dalla Turchia. Conoscevo l’Imam Moaz al Khatib. Se chiudo gli occhi lo rivedo ancora nella moschea degli Omayyadi mentre guidava la preghiera. Meglio lui di Ghalium… almeno non è una persona che vive all’estero da anni. Ma saprà davvero relazionarsi con le forze in campo? Il movimento di opposizione sta crescendo. Per forza, altrimenti sarebbe possibile questo combattimento continuo? Gli oppositori hanno preso l’aeroporto militare di Marj al-Sultan e l’esercito siriano ha bombardato quartieri alla periferia di Damasco: Kadam, Tadamone. Il centro storico non è stato ancora colpito ma se s’infiltreranno quelli dell’Esercito libero? Le milizie private armate aumentano, in una confusione che non so descriverti. Certo ormai non si torna più indietro. C’è stata una frattura fra i cittadini e chi è al potere. Troppa violenza, troppo dolore. Ma non ti nascondo che siamo anche in tanti ad avere paura di un futuro che non appare rassicurante. Di questa rivolta che non sembra offrire garanzie. Ho incontrato persone piene di ideali fra gli oppositori ma anche gente violenta e vendicativa. Se la maggioranza degli omicidi e dei gesti criminali è stata compiuta dalle forze di sicurezza, sappiamo tutti (abbiamo testimonianze dirette) che gli stessi episodi stanno aumentando contro i militari e anche i civili sospettati (a torto o a ragione) di essere dalla parte del regime. I giornalisti siriani, per esempio. E’ civile uccidere un giornalista? Perché nessuno in Occidente ha cercato veramente una soluzione politica? Perché questo strazio? I mie genitori sono anziani e non vogliono lasciare Damasco. Resto con loro. Che Dio ci protegga
”.

Poche ore fa Le Monde’, ’AFP’ e ’Reuters’, tra gli altri, hanno annunciato l’interruzione delle comunicazioni in alcune regioni della Siria su segnalazione di alcuni ribelli. Sarà una delle ultime mail ricevute da Damasco?

di Antonella Appiano Un giorno qualunque a Damasco
In esclusiva per Lindro Riproducibile citando la fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Nilo Domanico: ingegnere, fotografo e viaggiatore in Oman – Storie di Expat

”Il desiderio di scoprire, la voglia di emozionare, il gusto di catturare,
tre concetti che riassumono l’arte della fotografia”.
Helmut Newton

« Ho incominciato a fotografare quando frequentavo le superiori, durante una gita scolastica, e non ho più smesso» racconta Nilo Domanico.

Aeroporto e expat: una storia d’amore?

«Arrivi o parti?» Amelia
«Non lo so. Tutti e due» Viktor

Questa è una battuta dei due personaggi principali (interpretati da Catherine Zeta-Jones e Tom Hanks) nel celebre film “The terminal”. Ma per me, expat, rispecchia la realtà. E la relazione con gli aeroporti, una vera e propria storia di amore.

Perché i verbi assumono una valenza diversa, quando vivi in un altro Continente, in un Paese che senti tuo. E allora le carte si scompigliano. “Andare“ in Italia o ”tornare” per esempio?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: