Il nuovo Vicino Oriente, cosa è cambiato dopo le “Primavere”

Il nuovo Vicino Oriente: cosa è cambiato dopo le "Primavere" - locandina convegnoLunedi 17 dicembre alle ore 14:00 interverrò al convegno “Il nuovo Vicino Oriente: cosa è cambiato dopo le Primavere

A due anni dall’inizio delle rivolte arabe e in occasione della pubblicazione de La “Primavera Araba” un anno dopo, secondo numero di “Geopolitica”, e di The Place and Role of Syria in the Arab-Israeli Conflict, opera di Rouben Karapetian, l’Istituto di Alti Studi in Geopolitica e Scienze Ausiliarie (IsAG), in collaborazione con lo Studio Legale Sutti, organizza questo convegno per discutere dell’evoluzione seguita dalle rivolte e degli effetti ch’esse hanno avuto, finora, sui paesi interessati e sulla regione mediterranea e vicinorientale in genere.
(GeoPolitica: “Il nuovo Vicino Oriente: cosa è cambiato dopo le Primavere” – locandina convegno)

Il convegno si svolgerà lunedì 17 dicembre a Milano, alle ore 14.00, in Via Montenapoleone 8, sede dello Studio Legale Sutti. Per iscriversi all’evento inviare un messaggio a eventi@istituto-geopolitica.eu con nome, cognome indirizzo e-mail, eventuale ente/società d’affiliazione, per ciascun partecipante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Nilo Domanico: ingegnere, fotografo e viaggiatore in Oman – Storie di Expat

”Il desiderio di scoprire, la voglia di emozionare, il gusto di catturare,
tre concetti che riassumono l’arte della fotografia”.
Helmut Newton

« Ho incominciato a fotografare quando frequentavo le superiori, durante una gita scolastica, e non ho più smesso» racconta Nilo Domanico.

Aeroporto e expat: una storia d’amore?

«Arrivi o parti?» Amelia
«Non lo so. Tutti e due» Viktor

Questa è una battuta dei due personaggi principali (interpretati da Catherine Zeta-Jones e Tom Hanks) nel celebre film “The terminal”. Ma per me, expat, rispecchia la realtà. E la relazione con gli aeroporti, una vera e propria storia di amore.

Perché i verbi assumono una valenza diversa, quando vivi in un altro Continente, in un Paese che senti tuo. E allora le carte si scompigliano. “Andare“ in Italia o ”tornare” per esempio?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: