Due anni fa in partenza per Damasco

Caffé in old Town Damasco, Marzo 2011

Due anni fa, in questi giorni, mi preparavo a partire per Damasco. Questa è una delle prime fotografie che ho scattato in un caffé della Città vecchia. Locali affollati, luci, allegria. I primi disordini inizieranno a metà mese. E Daraa, cittadina della Siria meridionale al confine con la Giordania, capoluogo della regione agricola e tribale dell’Hawran, il 18 di marzo è teatro di una grande manifestazione. Sono rimasta quattro mesi nel Paese e ci sono rientrata altre tre volte nel corso del 2012. Ormai il Paese è in preda alla guerra civile e la situazione degenera ogni giorno di più. Nessuna soluzione all’orizzonte, una sola cerrtezza. Qualsiasi piega prendano gli eventi, la Siria cambierà anche se non sappiamo ancora come. Ma ricorderò sempre che ho vissuto un cambiamento epocale, che ho sentito a pelle gli umori, le speranze, le paure, le ansie di chi, magari senza volerlo, si trova coinvolto nei cambiamenti della Storia.

Antonella Appiano

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Nilo Domanico: ingegnere, fotografo e viaggiatore in Oman – Storie di Expat

”Il desiderio di scoprire, la voglia di emozionare, il gusto di catturare,
tre concetti che riassumono l’arte della fotografia”.
Helmut Newton

« Ho incominciato a fotografare quando frequentavo le superiori, durante una gita scolastica, e non ho più smesso» racconta Nilo Domanico.

Aeroporto e expat: una storia d’amore?

«Arrivi o parti?» Amelia
«Non lo so. Tutti e due» Viktor

Questa è una battuta dei due personaggi principali (interpretati da Catherine Zeta-Jones e Tom Hanks) nel celebre film “The terminal”. Ma per me, expat, rispecchia la realtà. E la relazione con gli aeroporti, una vera e propria storia di amore.

Perché i verbi assumono una valenza diversa, quando vivi in un altro Continente, in un Paese che senti tuo. E allora le carte si scompigliano. “Andare“ in Italia o ”tornare” per esempio?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: