Il Cairo- tensioni fra il Presidente Morsi e la Magistratura

Il Cairo- Musahara…manifestazione. I Taxisti, oggi, non volevano neppure portarmi in via Ramses vicino al Palazzo di Giutizia. Certo dopo venerdì scorso, quando durante la manifestazione davanti alla sede pricipale del partito Libertà e Giustizia, ci sono stati scontri, l’allerta è più alta. Ma la manifestazione si è svolta tranquillamente…

Mnifestazione Palazzo di Giustizia 29 marzo_filigrana

La Magistratura e le Opposizioni riunite nel Fronte di Salvezza Nazionale, hanno dimostrato contro la rimozione del procuratore generale Abdel Meguid Mahmoud (che è stato mandato a Roma come ambasciatore presso la Santa Sede). Al suo posto il Presidente Morsi  ha nominato Talaat Abdallah, personalità – sembra- più vicina ai Fratelli Musulmani. Polemiche da parte della Magistratura che ha interpretato la decisione di Morsi come un tentativo di influire sul potere giudiziario dello Stato. E polemiche da parte dei movimenti di opposizione. Secondo le testimonianze che ho raccolto molti dissidenti sono infatti finiti nel mirino del nuovo procuratore, che -nonostante la decisione della Corte di appello di annullare il provvedimento del presidente- ha dichiarato che ” resterà al proprio posto”. Il mio audio in diretta su SoundCloud….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Nilo Domanico: ingegnere, fotografo e viaggiatore in Oman – Storie di Expat

”Il desiderio di scoprire, la voglia di emozionare, il gusto di catturare,
tre concetti che riassumono l’arte della fotografia”.
Helmut Newton

« Ho incominciato a fotografare quando frequentavo le superiori, durante una gita scolastica, e non ho più smesso» racconta Nilo Domanico.

Aeroporto e expat: una storia d’amore?

«Arrivi o parti?» Amelia
«Non lo so. Tutti e due» Viktor

Questa è una battuta dei due personaggi principali (interpretati da Catherine Zeta-Jones e Tom Hanks) nel celebre film “The terminal”. Ma per me, expat, rispecchia la realtà. E la relazione con gli aeroporti, una vera e propria storia di amore.

Perché i verbi assumono una valenza diversa, quando vivi in un altro Continente, in un Paese che senti tuo. E allora le carte si scompigliano. “Andare“ in Italia o ”tornare” per esempio?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: