Le anime dell’Opposizione politica siriana

Le accuse di Suhayr Atassi
Le accuse di Suhayr Atassi

Le anime dell’opposizione politica siriana

Un fronte frammentato che fatica a trovare una linea unitaria e credibile

– See more at: http://www.lindro.it/politica/2013-06-12/86781-le-anime-dellopposizione-politica-siriana#sthash.rb9kHBNT.dpuf

Un fronte frammentato che fatica a trovare una linea unitaria e credibile.

«Dove sono troppi a comandare, nasce la confusione», scrisse Luigi Einaudi ne ‘Il buongoverno’. E certo c’è confusione fra le fila dell’opposizione politica siriana.  Non è facile parlarne senza perdersi  fra sigle, leader eletti e leader dimissionari, dichiarazione disattese, elezioni, passaggi da uno schieramento all’altro.

Cercando di semplificare. Prima di tutto, l’opposizione  è divisa in due rami principali. Da un lato il Consiglio nazionale siriano (Cns) fondato nell’ottobre del 2011, a Istanbul. E’ composto soprattutto da membri dei Fratelli Musulmani, cui  si sono in seguito uniti gruppi di indipendenti e liberali. Dalla sua nascita ha continuato a chiedere l’intervento straniero per favorire la caduta del regime degli Assad. L’altro ramo è  costituito da due formazioni laiche: il Comitato di Coordinamento nazionale per il cambiamento democratico e il Forum Democratico Siriano ( fra i principali esponenti, Michel Kilo e Samir Aita) Entrambe le formazioni  vogliono la caduta del regime ma, a differenza del Consiglio nazionale siriano, non hanno intenzione di smantellare tutte le strutture del sistema. Il progetto dei due gruppi, consiste infatti  nel mantenere apparati statali,  fra cui la burocrazia e una parte dell’esercito, estromettendo, naturalmente, gli elementi più compromessi. La linea è stata certamente  stata decisa valutando ciò che è successo in Iraq dove lo smantellamento del partito Baath,  ha portato conseguenze disastrose.A  queste correnti si è poi affiancata la Coalizione nazionale Siriana (Cns) fondata a Doha, capitale del Qatar,  nel novembre del 2012 e sostenuta in particolar dagli Stati Uniti, dalla Francia, dalle Monarchie del Golfo e dalla Turchia. Ma salutata stata con favore  anche dal’ex ministro degli Esteri italiano Giulio Terzi. Gli Stati Uniti hanno promosso la nascita della Colazione delusi dai fallimenti del Consiglio nazionale siriano che si è rivelato inconcludente poco operativo. 

Dopo aver  occupato il seggio della Siria alla lega Araba, la Coalizione  ha aperto, nel marzo scorso, la sua prima ambasciata  a Doha. Obiettivo principale: incorporare le varie voci dell’opposizione superando l’empasse in cui si dibattuto il Consiglio. Ma finora anche il Cns non sembra aver raggiunto grandi risultati. Già a marzo del 2013 Il leader, Moaz Ahmed al-Khatib, si è dimesso, sostituito dal premier ad interim Ghassan Hitto.

Sconfitta anche sul  fronte dell’apertura alle varie voci dell’opposizione. Gente che viene gente che va.  Se da poco è entrato infatti a farne parte proprio Michel Kilo con il suo Forum Democratico siriano,  nei primi giorni di giugno,  si è ritirata dalla Coalizione nazionale Siriana,  una delle principali correnti laiche la Commissione generale della rivoluzione siriana  (Cgrs)Suhayr Atassi, rappresentante  della corrente e unica donna nella dirigenza dell’opposizione, ha lanciato accuse pesanti. Secondo la Atassi, la Coalizione proclama di voler diventare pluralista ma è dominata dai Fratelli musulmani, sostenuti dal Qatar e della Turchia. Suhayr Atassi, con coraggio, ha anche accusato gli esponenti di usare fondi destinati al popolo siriano per interessi personali. E ha sottolineato quanto sia  inutile aprire  ad altre sigle quando poi non è aumentato il numero dei  membri della Commissione generale che prende le decisioni importanti.  Commissione che è rimasta nelle mani degli islamisti. Insomma, i Fratelli Musulmani e il segretario generale della Coalizione, Mustafa as- Sabbagh, rimangono i più influenti nella Commissione generale.

Lacerazioni,  spaccature, divisioni,  in un momento particolarmente importante quello della Conferenza di Ginevra 2 che si terrà  «presumibilmente il 6 o 7 luglio» ha riferito il ministro degli Esteri italiano, Emma Bonino. Intanto a Doha, una grande villa inaugurata due mesi fa, ospita l’Ambasciata siriana, dove sventola la bandiera  a tre stelle della rivoluzione. La bandiera simbolo della nuova Siria. Una Siria che ancora non c’è.

Antonella Appiano in esclusiva per L’Indro Le anime della opposizione politica siriana (riproducibile citano la fonte)

Leggi anche:

Chi sono i Fratelli musulmani

Siria: opposizione unita cercasi

– See more at: http://www.lindro.it/politica/2013-06-12/86781-le-anime-dellopposizione-politica-siriana#sthash.rb9kHBNT.dpuf

 

Vedi anche:

– See more at: http://www.lindro.it/politica/2013-06-12/86781-le-anime-dellopposizione-politica-siriana#sthash.rb9kHBNT.dpuf

 

Vedi anche:

– See more at: http://www.lindro.it/politica/2013-06-12/86781-le-anime-dellopposizione-politica-siriana#sthash.rb9kHBNT.dpuf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Istirahah, pausa, relax

Il Blog è in Pausa… i contenuti (Post e Archivio) sono comunque sempre raggiungibili e il Blog è navigabile!

Nilo Domanico: ingegnere, fotografo e viaggiatore in Oman – Storie di Expat

”Il desiderio di scoprire, la voglia di emozionare, il gusto di catturare,
tre concetti che riassumono l’arte della fotografia”.
Helmut Newton

« Ho incominciato a fotografare quando frequentavo le superiori, durante una gita scolastica, e non ho più smesso» racconta Nilo Domanico.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: