Campagna di crowdfunding, l’Indro il nostro progetto

L’Indro vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere e del diritto all’informazione indipendenteNon finanziata, cioè, da partiti o gruppi finanziari. Vogliamo fornire un’informazione di qualità e condivisa che integri al meglio gli standard consolidati del giornalismo e le potenzialità dei nuovi media. Un percorso mirato a stimolare la partecipazione attiva dei cittadini stessiche diventano, così, anche garanti della sua produzione.

Oggi la testata conta su un volenteroso gruppo di Co-Fondatori (giornalisti, blogger, esperti, tecnici, designer, amministrativi, legali) che investono con il proprio lavoro. Con le nostre sole forze, però, è impossibile portare a compimento il tragitto verso la costituzione dell’azionariato diffuso, ovvero la realizzazione di un quotidiano di cui saranno gli stessi Lettori ad avere la comproprietà, contribuendo, altresì, alla produzione e alla gestione dei contenuti, ai rilanci della conversazione sui social e altri aspetti operativi.
Ecco perché abbiamo deciso di affidarci ai netizen e a tutti i Lettori.

Il 25 marzo è partita la prima campagna di crowdfunding de L’Indro. L’obiettivo: 100mila euro per finanziare la fase di lancio della testata, cioè per dare la possibilità alla gente, di far nascere e partecipare a un quotidiano nuovo, dinamico e pluralista. Un quotidiano che privilegia gli approfondimenti quotidiani e le analisi a tutto campo, gli esteri, l’attenzione al dinamismo del digitale e la forte presenza in Rete e nei social media globali.

Secondo un principio di massima trasparenza, renderemo pubbliche la quantità e la destinazione delle risorse ricevute.

Grazie del vostro sostegno e benvenuti a tutti quelli che cammineranno con noi.

Campagna di crowdfunding de L’indro: il nostro progetto 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Nilo Domanico: ingegnere, fotografo e viaggiatore in Oman – Storie di Expat

”Il desiderio di scoprire, la voglia di emozionare, il gusto di catturare,
tre concetti che riassumono l’arte della fotografia”.
Helmut Newton

« Ho incominciato a fotografare quando frequentavo le superiori, durante una gita scolastica, e non ho più smesso» racconta Nilo Domanico.

Aeroporto e expat: una storia d’amore?

«Arrivi o parti?» Amelia
«Non lo so. Tutti e due» Viktor

Questa è una battuta dei due personaggi principali (interpretati da Catherine Zeta-Jones e Tom Hanks) nel celebre film “The terminal”. Ma per me, expat, rispecchia la realtà. E la relazione con gli aeroporti, una vera e propria storia di amore.

Perché i verbi assumono una valenza diversa, quando vivi in un altro Continente, in un Paese che senti tuo. E allora le carte si scompigliano. “Andare“ in Italia o ”tornare” per esempio?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: