Dalla carta al digitale. Ecco come cambia la vita dell’Inviato

I giornalisti sono “narratori di storie” sostiene Umberto Eco. E oggi che il giornalismo è in continua, rapida e inarrestabile evoluzione, credo sia necessario saper raccontare le storie rimettendosi in gioco. Perché, scrive lo scrittore e “guru” Seth Godin, quando i mestieri si trasformano in fretta, abbiamo due scelte: “abbracciare l’innovazione o adattarci e subirla”.

Ma in Italia esiste ancora un equivoco che andrebbe chiarito: la dicotomia fra i giornalisti di “carta” e quelli “on line”. Un buon giornalista oggi deve avere una visione “allargata” senza dimenticare le competenze, le qualità che hanno sempre caratterizzatola professione: la curiosità, il senso della notizia, la capacità e gli strumenti interpretativi per decifrarla e trasmetterla in maniera semplice e accessibile

Come reporter – appassionata dei social media e delle nuove tendenze sul web – non ritengo che si debba “scegliere fra due modelli di giornalismo”, tra quello “sul campo” e quello “da scrivania, seguendo i social network e la rete”. Un cronista contemporaneo deve sfruttare al meglio le risorse. Andare sul terreno e usare la rete. Deve vedere, anche se vedere non è sufficiente.
Bisogna possedere gli strumenti interpretativi per decifrare ciò che succede. Credo nella specializzazione. Impossibile decodificare gli eventi senza conoscenze adeguate della storia, della cultura, delle relazioni internazionali di un Paese. Indispensabile conoscere le lingue straniere e quella del posto anche se non in maniera fluente. Gli arabi, per esempio, rispettano chi ha fatto lo sforzo di studiare la loro lingua e le loro usanze. Molto dipende poi dalla situazione. Durante il 2011 in Siria ho potuto seguire i contatti sul posto e le notizie in rete. Ma se mi trovavo in condizioni di pericolo non controllavo certo il mio TweetDeck. A volte dovevo cercare un wireless café perché la connessione da casa non funzionava. Nei teatri di guerra o di crisi, esistono difficoltà oggettive. Quando sono in Italia, ho il tempo di controllare le fonti, incrociandole con le notizie che arrivano da fuori. Spesso seguendo un tweet si trovano conferme o meno. L’impostante è non avere fretta. Meglio rinunciare a uno scoop che diffondere una diffondere una notizia falsa.

In carta o in digitale. Non dimenticare mai di verificare le fonti. E le cinque W del giornalismo (WHO, Chi? WHAT, Che cosa? WHEN, Quando? WHERE , dove? WHY, perché?) . Anche se purtroppo speso non accade. Soprattutto un regola sembra poco rispettata ovunque, anche se non incomincia con W. Quella della trasparenza.

Antonella Appiano per © Qui Libri

Dalla Carta al Digitale, Qui Libri – Antonella Appiano – n°22 marzo aprile 2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Nilo Domanico: ingegnere, fotografo e viaggiatore in Oman – Storie di Expat

”Il desiderio di scoprire, la voglia di emozionare, il gusto di catturare,
tre concetti che riassumono l’arte della fotografia”.
Helmut Newton

« Ho incominciato a fotografare quando frequentavo le superiori, durante una gita scolastica, e non ho più smesso» racconta Nilo Domanico.

Aeroporto e expat: una storia d’amore?

«Arrivi o parti?» Amelia
«Non lo so. Tutti e due» Viktor

Questa è una battuta dei due personaggi principali (interpretati da Catherine Zeta-Jones e Tom Hanks) nel celebre film “The terminal”. Ma per me, expat, rispecchia la realtà. E la relazione con gli aeroporti, una vera e propria storia di amore.

Perché i verbi assumono una valenza diversa, quando vivi in un altro Continente, in un Paese che senti tuo. E allora le carte si scompigliano. “Andare“ in Italia o ”tornare” per esempio?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: