Infibulazione – intervento sul proclama di Al-Baghdadi su Fujiko Focus On RadioCittàFujiko

Il proclama del “CaliffoAbu Bakr al-Baghdadi, non poggia in realtà su nessun precetto della religione musulmana. L’infibulazione non appartiene alla tradizione islamica ed è stata spesso denunciate dalle autorità religiose dei Paesi musulmani.
E’ una pratica legata a culture antropologiche tribali e quindi anche diffusa in zone cristiane (perché si rifà appunto ad epoche precedenti la cristianizzazione). Una  consuetudine che si è  mantenuta soprattutto tra i copti (ortodossi e cattolici) del Corno d’Africa, per esempio.
Una delle principali attiviste contro le mutilazioni genitali femminili è la scrittrice Ayaan Hirsi Ali, somala e naturalizzata olandese, che è stata infibulata all’età di cinque anni. Inoltre la notizia, lanciata da un tweet e diffusa velocemente attraverso i social media, non è verificabile in maniera indipendente. Certe notizie “fanno scalpore” ma è indispensabile sempre verificare le fonti.

Di seguito la registrazione del mio intervento a Fujiko Focus On – RadioCittàFujiko.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Nilo Domanico: ingegnere, fotografo e viaggiatore in Oman – Storie di Expat

”Il desiderio di scoprire, la voglia di emozionare, il gusto di catturare,
tre concetti che riassumono l’arte della fotografia”.
Helmut Newton

« Ho incominciato a fotografare quando frequentavo le superiori, durante una gita scolastica, e non ho più smesso» racconta Nilo Domanico.

Aeroporto e expat: una storia d’amore?

«Arrivi o parti?» Amelia
«Non lo so. Tutti e due» Viktor

Questa è una battuta dei due personaggi principali (interpretati da Catherine Zeta-Jones e Tom Hanks) nel celebre film “The terminal”. Ma per me, expat, rispecchia la realtà. E la relazione con gli aeroporti, una vera e propria storia di amore.

Perché i verbi assumono una valenza diversa, quando vivi in un altro Continente, in un Paese che senti tuo. E allora le carte si scompigliano. “Andare“ in Italia o ”tornare” per esempio?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: