16 Marzo 2015 MINIREPORT ESTERI

‪#‎Minireport_esteri‬. Siria, Israele, Pakistan, ‪#‎Siria‬: il segretario di Stato Usa John Kerry ha dichiarato in un’intervista alla Cbs la necessità di riaprire il dialogo con il presidente siriano Bashar al-Assad per porre fine alla sanguinosa guerra civile, entrata nel suo quinto anno. ‪#‎Israele‬, domani, martedì 17 marzo Israele eleggerà i 120 parlamentari della Knesset (con un anticipo di 2 anni rispetto al termine naturale del mandato dell’attuale governo). Il principale sfidante del ‪#‎Likud‬, il partito di centro-destra al potere dal 2009, è l’‪#‎Unione_Sionista‬ guidata dal laburista Yitzhak Herzog e l’ex ministra della Giustizia Tzipi Livni. Per la prima volta c’è anche un ‪#‎partito_ultraortodosso‬ guidato da una donna, Ruth Colian. La‪#‎ListaUnitariadeipartitiarabi‬ ècomposta da quattro partiti, il leader è Ayman Odeh ‪#‎Pakistan‬: due attentati (15 morti e 78 feriti) contro due chiese a Youhanabad, quartiere cristiano di #Lahore.La folla ha linciato due uomini, sospettati di complicità con ‪#‎JamaatulAhrar‬, il gruppo talebano che ha rivendicato la strage.

(fonti Bbc, Reuters)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Nilo Domanico: ingegnere, fotografo e viaggiatore in Oman – Storie di Expat

”Il desiderio di scoprire, la voglia di emozionare, il gusto di catturare,
tre concetti che riassumono l’arte della fotografia”.
Helmut Newton

« Ho incominciato a fotografare quando frequentavo le superiori, durante una gita scolastica, e non ho più smesso» racconta Nilo Domanico.

Aeroporto e expat: una storia d’amore?

«Arrivi o parti?» Amelia
«Non lo so. Tutti e due» Viktor

Questa è una battuta dei due personaggi principali (interpretati da Catherine Zeta-Jones e Tom Hanks) nel celebre film “The terminal”. Ma per me, expat, rispecchia la realtà. E la relazione con gli aeroporti, una vera e propria storia di amore.

Perché i verbi assumono una valenza diversa, quando vivi in un altro Continente, in un Paese che senti tuo. E allora le carte si scompigliano. “Andare“ in Italia o ”tornare” per esempio?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: