Festeggiamenti per il rientro in Oman del Sultano Al-Qaboos

Contianuano in Oman i festeggiamenti per celebrare il ritorno in Patria (il 23 marzo scorso) del Sultano al-Qaboos, dopo 8 mesi di cure in Germania. Il sultano è da 44 anni alla guida di un Paese in posizione strategica sullo Stretto di Hormuz. L’Oman è considerato uno dei Paesi più stabili della regione, in passato ha fatto anche da mediatore nei tentativi di dialogo tra gli Usa e l’Iran. E, fra i Paesi del Golfo, è l’unico che è riuscito a “non schierarsi” con l’Iran o con l’Arabia Saudita in Siria. Il Sultanato fa parte del Ccg, il Consiglio di Cooperazione del Golfo (e cioè  Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Qatar, Bahrein, Kuwait) ma si muove, quando lo ritiene necessario, in maniera indipendente.  Durante il vertice del dicembre 2013 a Kuwaiu City,  per esempio, il ministro degli esteri del sultanato Yusuf bin Alawi,  ha rifiutato  in maniera assoluta,  la proposta saudita  di una unione politica e militare dei Paesi arabi del Golfo del Ccg, tanto desiderata dai Saud .

Nel Paese del Golfo più sconosciuto e dimenticato dai media internazionali, il Sultano Qaboos bin Said ha cercato di mantenere la cultura, l’identità nazionale, lo stile architettonico. Nessun grattacielo in vetro e metallo. L’urbanistica deve essere conforme alla tradizione araba anche nei colori e nei materiali. Un equilibrio fra modernizzazione e tradizione non certo facile.  Per saperne di più: Oman: reportage dalla capitale Masqat: petrolio, rispetto delle tradizioni e riforme e Oman, il medioriente che non conosciamo.Un Paese stabile in un periodo di cambiamenti

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Nilo Domanico: ingegnere, fotografo e viaggiatore in Oman – Storie di Expat

”Il desiderio di scoprire, la voglia di emozionare, il gusto di catturare,
tre concetti che riassumono l’arte della fotografia”.
Helmut Newton

« Ho incominciato a fotografare quando frequentavo le superiori, durante una gita scolastica, e non ho più smesso» racconta Nilo Domanico.

Aeroporto e expat: una storia d’amore?

«Arrivi o parti?» Amelia
«Non lo so. Tutti e due» Viktor

Questa è una battuta dei due personaggi principali (interpretati da Catherine Zeta-Jones e Tom Hanks) nel celebre film “The terminal”. Ma per me, expat, rispecchia la realtà. E la relazione con gli aeroporti, una vera e propria storia di amore.

Perché i verbi assumono una valenza diversa, quando vivi in un altro Continente, in un Paese che senti tuo. E allora le carte si scompigliano. “Andare“ in Italia o ”tornare” per esempio?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: