Cosa chiederesti al Sindaco di Milano? Una moschea

Ormai il tempo per costruire una moschea prima dell’Expo non c’è più.

Peccato. Milano che si atteggia a “capitale europea” non sarà  in grado di offrire un luogo di culto ai 6 milioni di musulmani che – si stima – visiteranno la città durante la manifestazione. E perdere l’occasione di Expo potrebbe significare perdere anche gli investimenti di Paesi arabi.

Intervista per City lights news.com Punti di vista interviste Antonella Appiano giornalista conduttrice-televisiva scrittrice di Fabiano Guatteri

Citylightsnews intervista Antonella Appiano - Aprile 2015 - link all'intervista

Il museo che a Milano ancora non c’è
Un museo di arte islamica

Un suggerimento al sindaco
Favorire la costruzione di una moschea, un luogo di culto dignitoso per i musulmani.

E ancora perché Milano ha bisogno di una Moschea? Non certo per buonismo ma perché la Costituzione italiana prevede libertà di culto e quindi anche di “un luogo adeguato” per professarlo. Per favorire il dialogo inter-religioso. Per non cedere alla miopia politica. Per rimanere al passo con la storia.

City lights news.com Punti di vista interviste Antonella Appiano giornalista conduttrice-televisiva scrittrice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Nilo Domanico: ingegnere, fotografo e viaggiatore in Oman – Storie di Expat

”Il desiderio di scoprire, la voglia di emozionare, il gusto di catturare,
tre concetti che riassumono l’arte della fotografia”.
Helmut Newton

« Ho incominciato a fotografare quando frequentavo le superiori, durante una gita scolastica, e non ho più smesso» racconta Nilo Domanico.

Aeroporto e expat: una storia d’amore?

«Arrivi o parti?» Amelia
«Non lo so. Tutti e due» Viktor

Questa è una battuta dei due personaggi principali (interpretati da Catherine Zeta-Jones e Tom Hanks) nel celebre film “The terminal”. Ma per me, expat, rispecchia la realtà. E la relazione con gli aeroporti, una vera e propria storia di amore.

Perché i verbi assumono una valenza diversa, quando vivi in un altro Continente, in un Paese che senti tuo. E allora le carte si scompigliano. “Andare“ in Italia o ”tornare” per esempio?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: