17 maggio 2015 : Minireport Esteri

#‎Palestina‬, ‪#‎Egitto‬. Dopo “l’intesa diplomatica” degli scorsi giorni, Papa Francesco ha ricevuto il presidente ‪#‎palestinese‬ #‎Abu_Mazen‬. Oggi il pontefice nominerà le prime religiose palestinesi della storia contemporanea.#Egitto, ieri l’ex Presidente ‪#‎Morsi‬ è stato condannato a morte “per evasione di massa da un carcere nel 2011”. Due pesi e due misure. Nessuno ha condannato al-Sisi per i morti di Rabaa. Gli‪#‎Stati_Uniti‬ tacciono e, ovvio, anche l’‪#‎Italia‬. Eppure solo tre anni fa la comunità internazionale applaudiva #Morsi, eletto attraverso le prime libere elezioni. Allora Morsi era una “garanzia per l’Occidente”. Anche nella real politic ci dovrebbero essere dei limiti. Senza contare che Morsi sarà giustiziato, la situazione in medio oriente peggiorerà.
Incredibile la miopia occidentale.
‪#‎Minireport_esteri‬

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Nilo Domanico: ingegnere, fotografo e viaggiatore in Oman – Storie di Expat

”Il desiderio di scoprire, la voglia di emozionare, il gusto di catturare,
tre concetti che riassumono l’arte della fotografia”.
Helmut Newton

« Ho incominciato a fotografare quando frequentavo le superiori, durante una gita scolastica, e non ho più smesso» racconta Nilo Domanico.

Aeroporto e expat: una storia d’amore?

«Arrivi o parti?» Amelia
«Non lo so. Tutti e due» Viktor

Questa è una battuta dei due personaggi principali (interpretati da Catherine Zeta-Jones e Tom Hanks) nel celebre film “The terminal”. Ma per me, expat, rispecchia la realtà. E la relazione con gli aeroporti, una vera e propria storia di amore.

Perché i verbi assumono una valenza diversa, quando vivi in un altro Continente, in un Paese che senti tuo. E allora le carte si scompigliano. “Andare“ in Italia o ”tornare” per esempio?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: