7 luglio 2015 : Minireport Esteri

Il presidente Usa, ‪#‎Obama‬ ha assicurato che Lo Stato Islamico “sarà sconfitto” .Una affermazione poco credibile visto i risultati. Parole, parole, parole. Ha anche dichiarato che gli Stati Uniti aumenteranno il proprio impegno a sostegno dell’‪#‎opposizione‬ ‪#‎siriana‬. E qui mi viene da dire “ma ci è o ci fa?”. Quale opposizione siriana? L’Esercito siriano libero in pratica non esiste più (da tempo molti leader sono stati uccisi da gruppi di jihadisti e soprattutto dai miliziani dello Stato Islamico). L’esercito siriano Libero si è trovato a combattere su due fronti: contro Bashar al Assad e contro i gruppi jihadisti e ha perso. Esistono ancora sacche di resistenza di civili al nord o zone liberate come il Kurdistan siriano. Mi domando dunque a quale “opposizione siriana” si riferisce Obama e soprattutto COME intende sostenerla. Ancora parole prive di reale contenuto.

Tra #72 ore terminano i negoziati sul ‪#‎nucleareiraniano‬ ma le trattative sono ferme. ‪#‎Teheran‬ ha chiesto la fine delle sanzioni dell’Onu sul programma di missili balistici ma la risposta è stata negativa (Fonte Reuters).

Tralascio la ‪#‎Grecia‬. La situazione è fin troppo dibattuta. Tante idee confuse come al solito e intanto le borse sono crollate. In Italia Piazza affari meno 4%, molti titoli bancari sono stati sospesi.

Segui i miei minireport http://j.mp/CBL-minireport-esteri ‪#‎Minireport_Esteri‬

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Nilo Domanico: ingegnere, fotografo e viaggiatore in Oman – Storie di Expat

”Il desiderio di scoprire, la voglia di emozionare, il gusto di catturare,
tre concetti che riassumono l’arte della fotografia”.
Helmut Newton

« Ho incominciato a fotografare quando frequentavo le superiori, durante una gita scolastica, e non ho più smesso» racconta Nilo Domanico.

Aeroporto e expat: una storia d’amore?

«Arrivi o parti?» Amelia
«Non lo so. Tutti e due» Viktor

Questa è una battuta dei due personaggi principali (interpretati da Catherine Zeta-Jones e Tom Hanks) nel celebre film “The terminal”. Ma per me, expat, rispecchia la realtà. E la relazione con gli aeroporti, una vera e propria storia di amore.

Perché i verbi assumono una valenza diversa, quando vivi in un altro Continente, in un Paese che senti tuo. E allora le carte si scompigliano. “Andare“ in Italia o ”tornare” per esempio?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: