Stato Islamico

un fatto, due opinioni - con Antonella Appiano - F - 10 dicembre 2014

Erdoğan guarda al mondo arabo, non all’Occidente – un fatto, due opinioni – F magazine

Intervista a due per il magazine F – Cairo Editore – 10 dicembre 2014,  a cura di Gaia Giorgetti: il parere di Yasemin Taskin (giornalista turca, corrispondente in Italia, licenziata dal quotidiano filogovernativo Sabah) e Antonella Appiano (giornalista esperta di Medio Oriente e Islam)

un fatto, due opinioni - intervista a due Antonella Appiano - F - 3 dicembre 2014

un fatto, due opinioni – intervista a due con Antonella Appiano – F – 10 dicembre 2014 – versione integrale PDF

Il presidente nemico delle donne allontana la Turchia dall’Europa?

«Le donne non sono uguali agli uomini, ma un gradino sotto: facciano le madri». Lo ha detto il presidente turco Erdoğan al vertice internazionale “Donne e giustizia”.
Nonostante questa deriva islamista, c’è ancora chi, in Turchia, sogna di entrare in Europa. Ma c’è posto a Bruxelles per un Paese che ci discrimina così?


«La Turchia è un Paese musulmano e credo che Erdoğan abbia del tutto abbandonato il suo interesse verso l’Europa: piuttosto, vuole porsi come leader di un nuovo grande Stato neo ottomano. Ha avuto un’uscita molto infelice sulle donne, che ha suscitato l’indignazione delle intellettuali turche. Ma tutti i Paesi dell’area del Mediterraneo e quelli musulmani si fondano su culture patriarcali, dove gli uomini sono padroni. In Turchia, Tunisia, Siria, Marocco le donne stan facendo grandi cose per la loro parità. È un percorso culturale, lungo: non lo fermeranno le parole di Erdoğan». Antonella Appiano è una reporter esperta di questioni mediorientali.

Le parole di Erdoğan sulle donne peseranno sui rapporti con l’Europa?

«È grave ciò che ha detto sulle donne, ma ancora più grave è stata la sua posizione di appoggio allo Stato Islamico. Dalla Turchia transitano molti jihadisti, e questa è una responsabilità gravissima di Erdoğan nei confronti dell’Europa. Tutto questo fa di quel Paese una realtà che guarda non verso Occidente, ma al mondo arabo».

Ma l’Europa ha un interesse strategico, e non solo economico nel riavvicinare la Turchia all’Occidente?

«Non credo, ormai. Né mi pare che vi sia più questo interesse da parte della Turchia: l’asse si è spostato verso Oriente e il premier sempre di più si presenta come un capo autoritario, un leader in linea con quelli dell’area dei Paesi Arabi. L’Europa, d’altra parte, oggi ha interesse piuttosto a guardare a sud, nel Mediterraneo. In questo momento è difficile capire quali saranno e dove si sposteranno le alleanze: tutta la geopolitica mediorientale è in movimento e le alleanza, come abbiamo potuto vedere, sono più fluide che mai».

l’intervista a due in edicola F- magazine – n°49  10 dicembre 2014 – Cairo Editore
(un fatto, due opinioni – F 10 dicembre 2014)

Antonio Staglianò, Antonella Appiano, cristiani minoranza nel mondo - UnoMattinaEstate 25 agosto 2014

UnoMattinaEstate: cristiani, minoranza nel mondo?

UnoMattinaEstate: Cristiani, minoranza nel mondo?, puntata dedicata alla situazione dei cristiani in Iraq e alle dichiarazioni del Papa, al gruppo estremista del “Califfato Islamico“. Un approfondimento particolare sull’importanza del “non confondere i gruppi terroristici con l’Islam“. E sulla necessità, oggi più che mai, della convivenza fra le diverse religioni e del dialogo. In studio: Paola Severini – AngeliPress, Antonio Staglianò – Vescovo di Noto, Antonella Appiano – giornalista specializzata in Medio Oriente e Islam, Andrea Colasanti – storico, Shukri Said – portavoce Migrare. Conduce Veronica Maya, un programma di Maurizio Giannotti, Danila Lostumbo, Sonia Petruso.

UnoMattinaEstate – Cristiani, minoranza nel mondo? – 25 agosto 2014

Peshmerga 15Base - Yalchi - Kirkuk

Kirkuk: peshmerga, petrolio e territori contesi

Kirkuk (Kurdistan) Iraq – Per arrivare a Kirkuk, circa 80 chilometri a sud di Erbil, lungo la Baghdad road, i check point dell’Esercito curdo, formato dai peshmerga, sono cinque. Ogni volta i documenti vengono controllati con attenzione, così come il bagagliaio dell’automobile.
Dopo l’attacco dei miliziani di Abu Bakr al- Baghdadi, respinti dai peshmerga,